L’OMBRA DEL DUBBIO nella relazione del sen. Boato (1992)

foto-poliziotti1

Anche sulla vicenda altoatesina, dove pure il terrorismo irredentista ha giocato un ruolo di ferocia e di sangue, spunta, inevitabile, l’ombra dei servizi segreti italiani. Come tacere di un’ipotesi inquietante, sulla quale la commissione parlamentare d’inchiesta sulle stragi, indagò nel 1992?
L’ipotesi è che, in realtà, quella forma di terrorismo di matrice nazionalista tedesca sia stata alimentata – ed in alcuni casi addirittura provocata – dai nostri servizi d’intelligence e nella fattispecie, dal SIFAR.
Di seguito pubblichiamo la parte più rilevante della relazione consegnata alla commissione stragi dal sen. Marco Boato.
Si tratta di un’analisi lucidissima e di un atto di denuncia che dà una massiccia consistenza all’ombra del dubbio: i servizi segreti italiani in quella vicenda giocarono davvero in maniera sporca. Come, purtroppo, accadrà sempre più spesso in seguito.

TRENT’ANNI DI VIOLENZE IN ALTO ADIGE
Dalla relazione del sen. Boato alla commissione stragi (1992)