I POOH CONTRO IL TERRORISMO IN ALTO ADIGE

foto-album

Il 1966 è l’anno della recrudescenza del terrorismo in Alto Adige.
Ma è anche l’anno della nascita di un gruppo musicale (all’epoca si chiamava “complesso”) e di una sua canzone “maledetta”: a Bologna cominciano a suonare i Pooh.
Nella formazione originaria comparivano Valerio Negrini, Mauro Bertoli,Mario Goretti, Bob Gillot, Gilberto Faggioli. Il loro primo 45 giri è “Vieni fuori”, versione italiana del brano inglese “Keep on Running” delloSpencer Davis Group. Ma nel maggio di quell’anno Gillot se ne va, lasciando il posto a Roby Facchinetti. In giugno i Pooh fanno la loro prima apparizione televisiva con il brano “Quello che non sai”. Poi – con l’uscita di Faggioli nel gruppo è entrato Riccardo Fogli – i Pooh si preparano a partecipare al Festival di San Remo.
Il gruppo punta su un brano, per così dire, di protesta (all’epoca l’unico a fare questo tipo di canzoni era Bob Dylan). Il pezzo si intitola “Brennero 66”. Composto ed intepretato da Facchinetti è dedicato al problema delterrorismo altoatesino.
La canzone viene bocciata dalla giuria incaricata di selezionare i brani ammessi alla kermesse canora. Riproposto nel settembre ’67 al Festival delle Rose, “Brennero 66” viene subissato dalle critiche. La radio e la televisione di Stato ne proibiscono la diffusione. E’ un brano troppo “politico”. “Brennero ‘66” diventa, così, una canzone all’indice, un brano inascoltabile, un pezzo maledetto.
Qui sotto vi proponiamo il testo e la versione audio integrale di “Brennero ‘66”.
Testo e musica sono, certamente, un po’ fragili e molto acerbi.
Ma questa canzone – e, soprattutto, la sua messa al bando – testimoniano del clima di un’epoca.

IL TESTO DI “BRENNERO ‘66”

L’AUDIO DI “BRENNERO ‘66” (2,3Mb)