I 33 GIORNI DEL SUO PONTIFICATO

cop-libro

33 giorni sono davvero pochi per giudicare il papato di Giovanni Paolo I.
Ancora oggi, a distanza di più di mezzo secolo, è difficile dire se il suo papato sarebbe stato contrassegnato dalla conservazione o dall’introduzione di un minimo di modernismo.
Di lui, di Don Albino Luciani, sappiamo molto. Di come sarbbe stato come Papa si possono fare solo ipotesi.
C’è chi ha passato al microscopio ogni sua minima azione realizzatasi nel breve arco di quei pochi giorni di pontificato. C’è chi, come lo scrittore inglese David Yallop, è giunto a conclusioni precise: Papa Giovanni Paolo I avrebbe rinnovato la Chiesa cattolica, puntando a smantellare l’affarismo sfrenato che l’aveva pervasa sotto la guida di Paolo VI e a frenare le mani libere lasciate alloIOR da un parte e all’Opus Dei dall’altra, due anime finanziarie della Chiesa spesso in conflitto tra loro.
Di certezze, ovviamente, su quello che sarebbe potuta essere l’opera del Papa breve non ce ne sono. Si possono fare solo ipotesi. E verificare alcuni dati di fatto.
Sotto il suo successore, Papa Giovanni Paolo II, papa Woityla, l’Opus Deiha vinto la partita. Lo IOR, lentamente, sembra essere scivolato fuori dalla scena.
Ma cosa ha fatto davvero in quei rapidissimi 33 giorni Don Albino?

IL PAPA DEVE MORIRE
di David Yallop