IL SUPERSISMI

pazienza2
Francesco Pazienza

Il 19 ottobre 1984 su ordine del sostituto procuratoreDomenico Sica, futuro Alto Commissario per la lotta alla mafia, vengono arrestati il generale Pietro Musumeci, ex capo dell’ufficio controllo e situazione del Sismi, i colonnelliGiuseppe Belmonte e Secondo D’Eliseo e il capitanoValentino Artinghelli, tutti funzionari o ex funzionari del servizio segreto militare.
Le accuse a loro carico vanno dall’associazione a delinquere al peculato, dall’interesse privato in atti d’ufficio alla detenzione di armi e d esplosivi.

E’ questo l’inizio di una delle pagine più sconvolgenti riguardanti l’attività dei servizi segreti italiani. Vengono formalmente consacrate in atti giudiziari tutte le accuse già denunciate dalla stampa dell’epoca circa i gravi depistaggi operati dal Sismi, il servizio segreto militare, alle inchieste riguardanti la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e a quelle che vedevano protagonisti uomini del servizio in rapporti di connivenza con esponenti dell’alta criminalità.

IL SUPERSIMI
una struttura parallela deviata
di Giuseppe Spina