PRIMA LINEA E DINTORNI

militanti

Già nel corso del 1981 l’esperienza di Prima Linea può considerarsi terminata. Se essa avrà una coda sarà soltanto di carattere eminentemente difensivo perché tutta la potenzialità rimasta della formazione armata sarà dedicata alla liberazione dei compagni arrestati.
Nascono proprio sulla base di questo obiettivo i COLP, i Comunisti Organizzati per la Liberazione Proletaria, dove per liberazione proletaria non si intende una lotta, corale per l’emancipazione di vasti strati sociali ma, molto più semplicemente, l’evasione di alcuni suoi militanti. Un’istanza questa riprodotta pedissaquamente da un’altra formazione vicina a PL: i Nuclei di Comunisti che proprio con i COLP agiranno, in alcune azioni, di comune accordo.
Intanto attorno a PL e al suo movimentismo girano altri raggruppamenti minori, come i Nuclei Comunisti Territoriali e Reparti Comunisti d’Attacco. Ma qui siamo ormai al crepuscolo della lotta armata in Italia.

I COLP

I NUCLEI DI COMUNISTI

I NUCLEI COMUNISTI TERRITORIALI

I REPARTI COMUNISTI D’ATTACCO