“Ho messo io la bomba a Peteano”. La confessione di Vincenzo Vinciguerra

foto-libro

Il documento che pubblichiamo porta la data del 16 maggio 1987. Poco meno di 15 anni prima a Peteano di Salgado (Gorizia) erano morti tre carabinieri. In questo documento Vincenzo Vincinguerra, neofascista, militante di Ordine nuovo, ammette le sue responsabilità. Il documento viene inviato alla Corte di Assise di Venezia, allegato alla lettera che di seguito pubblichiamo, indirizzata al presidente della corte, Renato Gavagnin:

“Mi scuso per la forma con la quale sono obbligato a presentare queste mie dichiarazioni, ma nella casa circondariale di Venezia non viene consentito l’uso della macchina da scrivere.
Tali dichiarazioni integrano quelle da me rese in precedenza e si propongono il fine di illuminare certi punti ancora non chiariti delle azioni delle quali mi sono assunto la responsabilità.
Fermo restando il rifiuto di una collaborazione con la “giustizia”, ritengo che certe riserve non hanno più ragione di essere mantenute.

Distinti saluti

Vincenzo Vinciguerra”.

COSI’ HO MESSO LA BOMBA A PETEANO

PERCHE’ HO MESSO LA BOMBA A PETEANO