Il misterioso aereo sul Pentagono

terzo-attacco

Il volo di linea American Airlines 77 (AA77), un Boeing 757, decollò con a bordo 6 uomini di equipaggio e 58 passeggeri, di cui 5 dirottatori, dalla pista 30 dell’aeroporto Dulles (Washington DC) alle 8.20 dell’11 settembre 2001 con destinazione Los Angeles. La storia ufficiale ci dice che quell’aereo, alle 9.37 e 46 secondi, volando ad una velocità di 850 km/h rasente il suolo, si schiantò contro la facciata ovest del Pentagono. Oltre alle 64 persone a bordo, nel disastro perirono altre 150 persone che in quel momento lavoravano in quello che è il ministero della Difesa degli Stati Uniti d’America.

Il volo AA77, quindi, fu il terzo aereo dirottato quel giorno a terminare il suo viaggio distruggendosi: rispettivamente 51 minuti e 34 minuti dopo gli aerei finiti sulle Torri Gemelle di Manhattan e 26 minuti prima di quello finito nel nulla in Pennsylvania.

La differenza con gli altri tre voli dell’11 settembre è che se per quelli infrantisi sulle Due Torri le immagini sono numerosissime, mentre come per l’UA93, che si vuole caduto in Pennsylvania, le immagini dell’AA77, al momento dell’impatto e anche subito, dopo praticamente non esistono. E questo, inevitabilmente, suscita i primi sospetti.

UN PILOTA ABILISSIMO