OP Genova 2001. Un film sull’ordine pubblico durante il G8

Le immagini della disastrosa riunione del G8 svoltasi a Genova nel luglio del 2001 hanno fatto il giro del mondo. Sono state prodotte numerose ricostruzioni filmate di quelle tragiche giornate. Chi le ha viste ha avuto a disposizione ampio materiale per interpretare quelle immagini e giudicare i fatti accaduti.
Questo film che presentiamo integralmente è diverso. E’ interamente basato sui materiali del processo contro 25 manifestanti accusati di devastazione e saccheggio.
E’ un film realizzato nel 2007 dalla segreteria del Genoa Social Forum e quindi, come tale, è un lavoro che sta dalla parte della difesa dei manifestanti. Il suo scopo – a nostro avviso pienamente raggiunto – è quello di analizzare e mostrare in quale folle maniera è stato gestito da polizia, carabinieri e guardia di finanza – nella più assoluta impunità dei responsabili nazionali – l’ordine pubblico nel corso di una manifestazione internazionale. La disorganizzazione, la mancanza di coordinamento, l’interruzione dei contatti con gli organizzatori del corteo, l’approccio unicamente e stupidamente militare, la voluta manifestazione di forza, una sottesa ideologia ancora brutalmente fascista hanno fatto sì che le strade di Genova si trasformassero in un campo di battaglia.
La capacità di gestire l’Ordine pubblico è qualcosa che trascende e deve sempre anticipare il comportamento di quello che sul terreno si delinea come l’avversario. Una buona gestione controlla la piazza in qualsiasi frangente. Una cattiva gestione lascia spazio ai violenti a danno dei pacifici.
A Genova, nel 2001, le forze dell’ordine italiane hanno dato il peggio di sé dimostrandosi non all’altezza della situazione, professionalmente deboli ed impreparate e di fatto degne di un Paese del Terzo mondo.
E’ questo che è accaduto.
E’ questo che non deve più accadere.

IL FILM