LE COMUNICAZIONI RADIO DELLE FORZE DI POLIZIA

La prova provata dell’inefficenza e della disorganizzazione delle forze dell’Ordine nei giorni del G8.g8_genova

Se non contenessero la cronaca di un dramma che si è consumato a Genova in quelle calde giornate del luglio 2001, potrebbero essere lette come la trama di una divertentissima pochade un po’ demenziale che vede all’opera polizia e carabinieri.
Sono le trascrizioni delle comunicazioni radio intercorse tra le forze dell’ordine, appunto, nelle giornate del G8.
Quella che riproduciamo, allegata agli atti del processo, è la trascrizione di quelle comunicazioni limitata a tre ore e mezzo (dalle 13 alle 16.28) del 20 luglio 2001.
Ad imperare è il caos più totale: reparti che si muovono senza criterio e spesso senza sapere dove andare, ufficiali di polizia e carabinieri che consultano ferneticamente cartine stradali per capire dove si trovano con i loro uomini, cariche fatte a caso e senza alcun criterio di ordine pubblico, perfino cariche fatte e che non dovevano essere fatte.
Ad un certo punto si ascolta quanto segue:

noooo … hanno caricato le tute bianche porco Giuda! Loro dovevano andare a piazza Giusti non verso via Tolemaide […] hanno caricato le tute bianche che dovevano arrivare a piazza Verdi”.

Demenziale? Peggio, molto peggio.
Nell’intrecciarsi delle comunicazioni spicca la figura di un funzionario di polizia, nella più totale confusione, che continua a chiamare come fosse un tormentone. Sembra di rivedere il film “Helzappoppin” ed il personaggio del fioraio che deve consegnare una pianta alla signora Smith. Lui la cerca per tutto il film, senza trovarla. E intanto la piantina è diventata un albero gigantesco. Lo stesso fa quel funzionario (nella trascrizione è indicato con nome e cognome) chiede lumi su cosa deve fare e intanto si sposat con i suoi uomini alla cieca di qua e di là per Genova.
Ma quel 20 luglio non è stato un film comico, anzi. Ma comica è stata la condotta dell’ordine pubblico. Comica e demenziale.
L’esempio lampante di corpi delo Stato impreparati, approssimativi e disorganizzati. E alla fine di quel terribile 20 luglio 2001 non poteva che scapparci il morto.

LE COMUNICAZIONI RADIO TRA LE FORZE DI POLIZIA