Supporta, compra un abbonamento e accedi all'intero archivio.
spazio.jpg (663 byte)

La belva di via San Gregorio

L'omicidio della contessa Bellentani

Il caso Montesi

La decapitata di Castelgandolfo

Il delitto Martirano

Il delitto dell'uomo in blu

Il delitto dell'uomo in blu

La tragedia del Vajont

Perché uccidere Milena Sutter?

Il mostro di Marsala

Gli amanti diabolici di Torino

L'affare Bebawi

Il mostro di Firenze

Il mostro di Foligno

Il caso Lavorini

NOBILTA' E GELOSIA: LA STRAGE DEL MARCHESE CASATI

Il delitto della Cattolica

L'ASSASSINIO DI PASOLINI

Il massacro del Circeo

Il massacro dei Graneris

Il caso Carlotto

I delitti di Ludwig

Chi ha ucciso Fausto e Iaio

Il caso Tortora

L'omicidio Mazza

Il delitto Iacopi

Il delitto di Via Poma

La tragedia del MOBY PRINCE

Il delitto dell'Olgiata

L'omicidio Cinzia Bruno

Il caso Marta Russo

Donato Bilancia

L'aereo killer del Cermis

Il duplice omicidio di Novi Ligure

Il delitto di Cogne

Il canaro della Magliana

Lo strano suicidio di Luigi Tenco

Il delitto del catamarano

Maurizio Mighella

Nada Cella

Eleonora Scroppo

Bestie di Satana

Michele Profeta

I delitti di Alleghe

l'imbalsamatore

Il delitto di San Patrignano

2001: IL DELITTO DI ARCE: L'OMICIDIO DI SERENA MOLLICONE

IL DELITTO DI BALSORANO

L'OMICIDIO DI VEROLI

IL DELITTO DEL DAMS

PIETRO MASO E IL MASSACRO DEI SUOI GENITORI

LUCIANO LUBERTI: IL BOIA DI ALBENGA e l'assassinio di Carla Gruber

MILENA, LA DONNA CHE UCCIDEVA GLI UOMINI VIOLENTI

IL CASO DI SALVATORE GALLO: un omicidio senza cadavere

DUE GIORNALISTI INGHIOTTITI DAL BUCO NERO DELLA POLITICA ESTERA (SEGRETA) ITALIANA

La scomparsa di Davide Cervia

speronamento kater i rades

PEDOFILIA: il caso di Rignano Flaminia

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PRIMA PAGINA



28 giugno 1988: su un basso fondale dell'Adriatico, a sette miglia al largo di Marzocca di Senigallia (Ancona), un peschereccio che pesca a strascico recupera il cadavere di una donna, il corpo zavorrato con un’ancora di 17 chili, il volto deturpato dalla lunga permanenza in acqua, ma anche da diversi colpi inferti, lo si scoprirà dopo, con un macete. 

La donna è Annarita Curina, ha 34 anni ed comproprietaria con un’amica di un catamarano, l’Arx, lungo 10 metri. Si scopre che alle 11,30 di venerdi 10 giugno la donna, divorziata da un ingegnere, aveva preso il mare assieme a un uomo, un italiano ed una ragazza olandese. Destinazione: le isole Baleari. Scopo del viaggio: una vacanza, ma anche e soprattutto la possibilità, una volta giunti a destinazione, di noleggiare l’imbarcazione per crociere charter.

Scattano subito le ricerche internazionali.

La barca, rinominata Fly 2, viene ritrovata il 19 luglio nel porto tunisino di Ghar el Melh. Due giorni dopo la polizia tunisina arresta Filippo De Cristofaro, 34 anni, divorziato, una figlia, un tipo strano che vive di espedienti ed ha una vera passione per le barche a vela, e due olandesi: la 17/enne Diana Beyer, che con De Cristofaro, lasciando i suoi genitori, è già fuggita una volta verso la Nuova Caledonia e Pieter Groenendijk, 27 anni che risulterà estraneo al delitto.

Sulle prime, Filippo e Diane, cercano di imbastire una versione improbabile di quanto è accaduto: una rissa tra le due donne che si contendevano Filippo finita in tragedia. Poi entrambi crollano. E confessano. Ad uccidere Annarita Curina è stato Filippo De Cristofaro, con la complità dell’olandesina. E’ stata lei a ferire la donna ad un fianco con un coltello, mentre la stessa stava riposando sottocoperta. Ma è stato lui a finirla con un macete che si trovava a bordo. Entrambi hanno poi gettato il corpo in mare, dopo averlo zavorrato perché non venisse mai più trovato.

Movente del delitto? Quanto mai futile: rubare ad Annarita il catamarano e veleggiare per il mondo con la sua giovane amica. Un delitto in cambio dell’avventura. Tutto qui.

Processata dal tribunale dei minori, il 17 dicembre 1988, Diana Beyer sarà condannata a sei anni e sei mesi di reclusione.

Più pesante al condanna per De Cristofaro: 30 anni in primo grado, pena tramutata nell’ergastolo in appello e in Cassazione, il 5 giugno 1991.

Dirà il suo legale, l'avv.  Tomassini, al termine della propria arringa difensiva: “Come può essere, mi è stato chiesto, come può essere un assassino uno con quella faccia d’angelo, che a Tunisi si è fatto arrestare mentre stava curando un cane?”.

 

LA VICENDA
di Franco Chiavegatti

LA RICOSTRUZIONE DEGLI INQUIRENTI
di Paolo Marconi

PARLA L’ASSASSINO

IL RACCONTO DI DIANA

barra1.gif (892 byte)

MISTERI D'ITALIA s.r.l.

Copyright: Misteri d’Italia 2000 - 2017 (riproduzione riservata)
Contatti con la Redazione: posta.misteri@yahoo.it
Webs: ghl://

Misteri d'Italia è un archivio storico-giornalistico che raccoglie documenti e materiali di cui è accertata la provenienza e di cui viene sempre citata la fonte. I documenti e i materiali raccolti in questo sito non rappresentano, comunque, il parere dei curatori dello stesso.

Per quanto concerne le immagini e i video, la redazione si è curata di ottenere dai titolari del copyright l'autorizzazione alla messa on line. Nel caso in cui ciò non sia stato possibile, l'editore rende noto di essere comunque a disposizione degli aventi diritto per regolare evantuali spettanze.

Misteri d'Italia srl - Sede Legale: via dei Coronari 226, 00186 Roma - Cap. soc. Euro 10.320,00 - Iscrizione CCIAA n. 1035507 - Codice fiscale e P.IVA 07472241004

 Segnala un problema