Supporta, compra un abbonamento e accedi all'intero archivio.
spazio.jpg (663 byte)

La belva di via San Gregorio

L'omicidio della contessa Bellentani

Il caso Montesi

La decapitata di Castelgandolfo

Il delitto Martirano

Il delitto dell'uomo in blu

Il delitto dell'uomo in blu

La tragedia del Vajont

Perché uccidere Milena Sutter?

Il mostro di Marsala

Gli amanti diabolici di Torino

L'affare Bebawi

Il mostro di Firenze

Il mostro di Foligno

Il caso Lavorini

NOBILTA' E GELOSIA: LA STRAGE DEL MARCHESE CASATI

Il delitto della Cattolica

L'ASSASSINIO DI PASOLINI

Il massacro del Circeo

Il massacro dei Graneris

Il caso Carlotto

I delitti di Ludwig

Chi ha ucciso Fausto e Iaio

Il caso Tortora

L'omicidio Mazza

Il delitto Iacopi

Il delitto di Via Poma

La tragedia del MOBY PRINCE

Il delitto dell'Olgiata

L'omicidio Cinzia Bruno

Il caso Marta Russo

Donato Bilancia

L'aereo killer del Cermis

Il duplice omicidio di Novi Ligure

Il delitto di Cogne

Il canaro della Magliana

Lo strano suicidio di Luigi Tenco

Il delitto del catamarano

Maurizio Mighella

Nada Cella

Eleonora Scroppo

Bestie di Satana

Michele Profeta

I delitti di Alleghe

l'imbalsamatore

Il delitto di San Patrignano

2001: IL DELITTO DI ARCE: L'OMICIDIO DI SERENA MOLLICONE

IL DELITTO DI BALSORANO

L'OMICIDIO DI VEROLI

IL DELITTO DEL DAMS

PIETRO MASO E IL MASSACRO DEI SUOI GENITORI

LUCIANO LUBERTI: IL BOIA DI ALBENGA e l'assassinio di Carla Gruber

MILENA, LA DONNA CHE UCCIDEVA GLI UOMINI VIOLENTI

IL CASO DI SALVATORE GALLO: un omicidio senza cadavere

DUE GIORNALISTI INGHIOTTITI DAL BUCO NERO DELLA POLITICA ESTERA (SEGRETA) ITALIANA

La scomparsa di Davide Cervia

speronamento kater i rades

PEDOFILIA: il caso di Rignano Flaminia

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PRIMA PAGINA

linea.gif (56 byte)


LUCIANO LUBERTI: IL BOIA DI ALBENGA e l'assassinio di Carla Gruber

luciano Luberti
Luciano Luberti

Carla Gruber
Carla Gruber

Agli agenti di polizia che quel 3 aprile 1970 entrano nell’appartamento di via Pallavicini 52, intestato a Luciano Luberti, già condannato a morte e poi amnistiato per una strage nazifascista avvenuta nel 1944, la scena che si presenta è agghiacciante: in un lezzo che toglie il respiro, steso su un letto, circondato da fiori marci e da bottigliette di lisoformio, c’è il cadavere di una donna.

Quel corpo, ormai in avanzato stato di decomposizione, giace in quella assurda e macabra messinscena da quasi tre mesi. Come le perizie appureranno, la donna, Carla Gruber, amante e convivente di Luberti, è infatti spirata con un colpo di pistola al polmone sinistro il 18 gennaio 1970. E lui, l’uomo marchiato da quel terribile soprannome, il “boia di Albenga”, due giorni dopo la morte della donna, ha chiuso l’appartamento e si è dileguato. Ma sarà sempre lui, con una lettera, a far ritrovare il corpo di Carla.

Comincia così una storia allucinante: una storia di amore e di morte in cui qualcuno volle anche intravedere una matrice politica che, però, non sarà mai processualmente dimostrata.

Una trama che si dipanerebbe attorno alla strage di piazza Fontana - di appena un mese precedente la morte della Gruber - ed in particolare sulla scomparsa, il 25 dicembre 1969, del cassiere del Fronte nazionale del principe nero Junio Valerio Borghese, Armando Calzolari, trovato morto il 28 gennaio 1970, dieci giorni dopo la morte della donna di Luberti, anch’egli legato agli ambienti del Fronte.

Occorreranno due anni, prima che Luberti cada nelle mani della polizia. Lo scoveranno in un appartamento di Portici nel luglio del 1972 e per catturarlo occorrerà un lungo conflitto a fuoco.

La storia d’amore di Luciano e Carla è una storia ben strana: quando si incontrano, nel 1956, Lui ha 35 anni, lei 18. Lui è un dirigente della Publiaci, un’agenzia pubblicitaria cattolica, lei, profuga giuliana, la sua segretaria. Tre anni dopo Carla sposa un altro profugo giuliano e dal matrimonio nascono tre figli. Nel 1964 però Carla diventa l’amante di Luberti, anche lui sposato e con tre figli. E i due vanno a vivere assieme in un appartmento di Ostia. Lei è bella, sensuale, affascinante e non disdegna di tradirlo con altri uomini: comincia tra Luciano e Carla un periodo di grandi tensioni, di grandi passioni, di un amore malato, destinato, fatalmente, a sfociare nella morte.

Al processo Luberti negherà sempre di averla uccisa. “Carla si è suicidata”, ripeterà in modo ossessivo. In primo grado sarà condannato a 22 anni di reclusione. Le perizie psichiatriche firmate dal prof. Aldo Semerari - legato agli ambienti di destra, ma anche uomo dei servizi segreti, in combutta con la Camorra, trovato decapitato a Roma il 1 aprile 1982 - gli consentiranno l’assoluzione in Appello e poi in Cassazione: “incapace di intendere e di volere al momento del fatto”.

Luciano Luberti è morto il 12 dicembre (data siginificativa!) 2002.
Aveva 81 anni.

 

LA VICENDA GIUDIZIARIA

INTERVISTA A NICOLO’ AMATO
Pubblica accusa al processo contro Luberti

CENNI BIOGRAFICI DI UN BOIA
di Vincenzo Cerami

DALLE STRAGI DI PARTIGIANI
ALL’OMICIDIO DELL’AMANTE

IO, IL BOIA DI ALBENGA

 

 

barra1.gif (892 byte)

MISTERI D'ITALIA s.r.l.

Copyright: Misteri d’Italia 2000 - 2017 (riproduzione riservata)
Contatti con la Redazione: posta.misteri@yahoo.it
Webs: ghl://

Misteri d'Italia è un archivio storico-giornalistico che raccoglie documenti e materiali di cui è accertata la provenienza e di cui viene sempre citata la fonte. I documenti e i materiali raccolti in questo sito non rappresentano, comunque, il parere dei curatori dello stesso.

Per quanto concerne le immagini e i video, la redazione si è curata di ottenere dai titolari del copyright l'autorizzazione alla messa on line. Nel caso in cui ciò non sia stato possibile, l'editore rende noto di essere comunque a disposizione degli aventi diritto per regolare evantuali spettanze.

Misteri d'Italia srl - Sede Legale: via dei Coronari 226, 00186 Roma - Cap. soc. Euro 10.320,00 - Iscrizione CCIAA n. 1035507 - Codice fiscale e P.IVA 07472241004

 Segnala un problema